Buon Natale con El Tiò de Nadal

Conoscete la tradizione del Tio de Nadal? Io la amo molto e mi fa sempre sorridere. Vi presento El Tiò

Già a guardarlo mette allegria ma la sua tradizione è ancora più bella.

E’ una tradizione di Natale tipicamente catalana la cui traduzione letterale è “Ceppo di Natale”. Dall’8 dicembre i bimbi cominciano a dar da mangiare al piccolo tronchetto, di solito coperto con una piccola copertina o lenzuolino per non fargli avere freddo durante le notti. In realtà la copertina serve anche per occultare le sue “feci” che sono i dolcetti che i genitori metteranno sotto al Tiò. Tutta la cerimonia avviene con una filastrocca che i bambini canticchiano:

Caga tió,

avellanes i torró,

si no cagues tió,

et donaré

un cop de bastó!” 

(trad. Caga tiò, nocciole e torrone;

se non caghi tiò, un colpo di bastone)

A Natale il tronchetto viene messo vicino al camino o al centro della casa affinché “produca” i suoi dolcetti che i bambini felici scoprono quando tolgono la coperta.

La tradizione deriva da uno speciale augurio catalano che diceva «Menja bé, caga fort!» (Non è necessario che ve lo traduca, vero? eheheh). L’augurio è legato anche al Caganer, il pastore che… indovinate cosa fa? La stessa cosa che fa il Tiò, a differenza che lui lo fa nel presepe! Anche il Caganer è particolarmente simpatico, in abito tipicamente catalano, che ti guarda soddisfatto e allegro del suo risultato. Come per il nostro presepe napoletano, il Caganer rappresenta le figure più importanti della storia e della cultura nazional-popolare.

Il mio Tiò de Nadal (Barcellona – Natale 2016)

Anni fa abbiamo fatto due Natali a Barcelona e in uno di questi abbiamo fatto il nostro personalissimo Tiò: oddio, non era particolarmente bello, ma ha avuto il suo perchè in quel Natale. Doveva essere una sorpresa per il mio migliore amico quindi non era fattibile portarsi fisicamente un tronchetto in aereo e per non destare sospetti avevamo costruito tutto con il cartoncino che poi abbiamo assemblato al momento. Uno dei Natali più belli della mia vita…

Una delle cose più belle del viaggiare è proprio scoprire e assorbire nuove tradizioni che ti porti dentro con tanti ricordi. Quindi Vi auguro delle Feste ricche di tante cose belle, ma soprattutto vi e mi auguro un nuovo anno pieno di viaggi, di racconti, di tradizioni, di scoperte.

E oltre al Buon Natale, giusto per restare in tema:

“Menja bé, caga fort!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...