Stop e ripartenze

Per una come me che viaggia per la grande passione che la spinge a sentirsi a casa ovunque nel mondo e per cui organizzare viaggi è anche un lavoro, questi due anni sono il peggio del peggio. Nemmeno dopo l’11 settembre ci sentivamo così: stava cambiando il mondo dei viaggi e il modo di farlo, ma almeno si faceva ancora.

Stanno riaprendo i corridoi turistici verso alcune destinazioni; per altre bisogna sempre dare un occhio al caro Viaggiaresicuri; per altre, come i viaggi in Italia, possiamo andare dove vogliamo.

Eppure sto facendo fatica… Non sono stata ferma in questo periodo, anche se dagli articoli sul blog sembra così. Ho visitato una chiesina in provincia di Crema, ieri sono stata ad un’inaugurazione di una chiesina nel mio paese, a Casatenovo; dopo la fiera di Rimini ho gironzolato per i magnifici monumenti di Ravenna, eppure… mi sento ancora in gabbia.

E’ difficile forse da spiegare, per me che racconto sempre poco di me nel blog. Fin da piccola sono stata “in viaggio”: figlia di autisti, in una famiglia di autisti, non poteva essere diverso. Eppure ora mi sento con le ali legate.

Chiedo così a tutti gli amici viaggiatori: come vi state sentendo ora che piano piano si sta riaprendo il mondo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...